Sintesi Informativa POF (descrizione sintetica del POF)


PRINCIPI FONDAMENTALI

In conformità con gli artt. 3-33-34 della Costituzione Italiana  la scuola si impegna ad agire nel rispetto dei principi fondamentali di Uguaglianza, Imparzialità, Accoglienza ed integrazione, Diritto di scelta, Partecipazione e trasparenza, dai quali il Collegio dei docenti ha fatto discendere la seguente Mission:

“Il Liceo Scientifico Amaldi attraverso percorsi differenziati basati su contenuti disciplinari specifici:

Persegue l’obiettivo di sviluppare:

1. la capacità di “imparare ad imparare” per essere in grado di affrontare i rapidi mutamenti che caratterizzano la società

2. la capacità interpretativa critica

3. un insieme di conoscenze culturali a largo spettro

4. le competenze necessarie ad affrontare qualsiasi corso universitario.

Si rivolge a studenti  con buona motivazione all’apprendimento, soprattutto di tipo teorico-concettuale, che intendono acquisire una cultura ampia e diversificata.

Favorisce la socializzazione ed integrazione di ogni singolo studente all’interno della realtà scolastica che vuole essere accogliente e collaborativa.

Si impegna a garantire il diritto – dovere dell’individuo all’educazione e all’istruzione cercando di aiutare gli studenti a superare le eventuali difficoltà di apprendimento.

E’ attento ai bisogni espliciti ed impliciti di studenti e genitori e promuove forme di responsabilità, espressività e cooperazione.

Garantisce trasparenza nei processi valutativi.”

OFFERTA FORMATIVA

Il corso di studi ha la durata di cinque anni e fornisce riferimenti culturali ampi e flessibili, articolandosi in diversi indirizzi:

Scientifico di base caratterizzato dallo studio della Fisica con applicazioni informatiche fin dal primo anno.

Scientifico matematico caratterizzato dall'ampliamento quantitativo e qualitativo dello studio della Matematica che, anche con l'uso di mezzi informatici intende favorire l'acquisizione di strumenti concettuali e tecnologici avanzati.

Scientifico naturalistico caratterizzato dallo studio delle scienze fin dal primo anno che, unitamente allo studio della fisica, intende sviluppare l'aspetto più propriamente sperimentale delle discipline scientifiche.

Scientifico linguistico caratterizzato dallo studio di due lingue straniere per chi è più portato o interessato ad approfondire la conoscenza delle culture europee attraverso la padronanza di nuovi mezzi espressivi.

Attrezzati laboratori di informatica, di fisica, di chimica, consentono agli alunni, sotto la guida di docenti esperti, di approfondire le tematiche di studio mediante l’utilizzo di adeguate strumentazioni.


MATERIE DI STUDIO E QUADRI ORARI

Dettagli dell'Indirizzo di Base

Dettagli dell'Indirizzo Matematico

Dettagli dell'Indirizzo Linguistico

Dettagli dell'Indirizzo Naturalistico


INTERVENTI INTEGRATIVI E DI SUPPORTO

A completamento e a supporto dei piani di lavoro disciplinari la scuola mette in atto ulteriori attività volte a migliorare la qualità complessiva dell’apprendimento:

- Formazione aggiuntiva

· Alfabetizzazione informatica per gli alunni delle prime classi

· Formazione aggiuntiva a cura dei vari docenti e rivolti agli studenti delle classi quinte alla fine dell’anno scolastico, in preparazione all’esame di Stato.

· Interventi di recupero/sostegno nell’acquisizione dei contenuti e nella elaborazione delle competenze

· Interventi di approfondimento del curricolo e/o d’integrazione dei saperi disciplinari

· Corsi per il conseguimento della Patente Europea del Computer (ECDL) con possibilità di sostenere esami presso il Liceo, accreditato dall’AICA (Associazione Italiana di Calcolo Automatico) quale Test Center ECDL.

- Attività formative collaterali, tra le quali:

· Promozione dell’Educazione Fisica e della pratica sportiva

· Educazione stradale

· Centro di Primo Ascolto (CPA): colloqui a richiesta con alcuni docenti coadiuvati da psicologi

· “In-dipendenze e scuole”. Prevenzione dei comportamenti di abuso in collaborazione con l’ASL di Bergamo

· Pace e intercultura: potenziamento della consapevolezza che l’incontro con l’altro, da qualunque cultura Egli provenga, può essere realizzato a partire dall’ascolto e dalla accettazione reciproca.

- Orientamento:

·  Open Day: scuola aperta – incontro con i genitori degli alunni delle scuole medie del territorio per la presentazione dell’offerta formativa

·  Accoglienza e accompagnamento per gli studenti del biennio

·  Consolidamento dei processi di conoscenza di sé, per accompagnare gli studenti delle classi quarte nella scelta del percorso formativo post-secondario

·  Incontri con docenti universitari e/o esperti dei vari ambiti per gli alunni delle classi quinte.

- Scambi culturali: l’educazione alla multiculturalità è consolidata attraverso la conoscenza diretta di luoghi e culture diverse in ambito europeo. Il progetto, rivolto agli studenti delle terze e quarte classi, intende:

·  Rendere gli alunni partecipi di una più ampia dimensione di società, nell’ottica di promozione dell'idea di “cittadinanza europea”

· Sviluppare la capacità di gestire situazioni relazionali nuove

· Promuovere momenti di formazione attraverso il confronto con culture differenti.

· Rendere più efficace l’educazione linguistica ricevuta a scuola attraverso contatti diretti con altre nazioni.


STRUTTURE

Il Liceo dispone dei seguenti locali: aule ordinarie, biblioteca, 2 laboratori di informatica, 1 laboratorio di fisica, 1 laboratorio di scienze, auditorium, ampio locale bar / ristoro.

Per le lezioni di Educazione Fisica si utilizza il Palazzetto dello Sport del comune situato all’interno del complesso scolastico e altre strutture del territorio (piscina, palestre, ecc…).

Tutte le aule speciali sono adeguatamente attrezzate e di anno in anno, su segnalazione dei vari responsabili e compatibilmente con la disponibilità finanziaria del Liceo, se ne potenziano le dotazioni. Sono inoltre disponibili televisori e proiettori mobili

Le modalità d’uso dei locali e delle attrezzature sono indicate in specifici regolamenti cui si rimanda. 

Responsabile degli standard di sicurezza è l’Amministrazione Provinciale. 

La scuola predispone un piano di evacuazione in caso di incendio o altra calamità e, sotto il profilo dei comportamenti nell’utilizzo delle strutture e dei materiali dei vari laboratori, detta le norme necessarie alla sicurezza del personale e degli alunni, riportate in apposite informative.


ORGANIZZAZIONE E MODALITA’ DI EROGAZIONE DELL’OFFERTA FORMATIVA 

Dirigente Scolastico 

Il Dirigente Scolastico (DS) svolge funzioni di indirizzo, coordinamento e istruttoria relativi a tutti gli aspetti dell’attività dell’istituto ed esegue quanto deliberato del collegio dei docenti. Con l’apporto dei collaboratori espleta tutti i compiti inerenti alla funzione previsti dalla vigente normativa e predispone le strategie opportune e i materiali necessari alla raccolta di tutte le informazioni e i dati che, adeguatamente rielaborati, costituiscono il necessario supporto all’attività degli organi collegiali, dei gruppi, dei singoli docenti. Attiva, inoltre, i controlli necessari all’efficacia complessiva del servizio scolastico.

Collegio dei Docenti 

Il Collegio dei Docenti, composto da tutti gli insegnanti della scuola, è responsabile di tutte le attività educativo-didattiche e, in appositi incontri, esercita le proprie competenze nelle seguenti materie:

Definizione attività di programmazione iniziale

- Scansione temporale valutazione alunni

- Elezioni componenti comitato valutazione

- Elezioni componenti la Commissione di Garanzia

- Adozione/revisione POF e documenti collegati

- Discussione/Approvazione piano esecutivo POF

- Adozione testi 

- Criteri di valutazione finale

- Consuntivo anno scolastico     

- Proposte anno scolastico successivo         

Dipartimenti disciplinari

Ciascun Dipartimento, costituito dagli insegnanti della stessa materia o di materie affini, ha elaborato un suo piano di lavoro disciplinare articolato per anno di corso ed eventualmente per indirizzo che definisce:

- Finalità educative

- Obiettivi generali

- Obiettivi specifici

- Obiettivi minimi

- Contenuti disciplinari

- Note metodologiche

- Indicazioni per un corretto metodo di studio

- Modalità di valutazione

Tale piano è annualmente revisionato anche sulla base degli esiti degli allievi.

Consigli di classe

Il Consiglio di Classe, costituito dai docenti della stessa classe, da due rappresentanti dei genitori e da due rappresentanti degli studenti, ha il compito di definire le linee didattiche da attuare nella propria classe, dando concretezza alle linee generali e organizzative definite agli altri livelli di programmazione, nel Collegio Docenti e nei Dipartimenti disciplinari. 

Nel primo Consiglio di Classe, convocato entro la prima metà del mese di Ottobre e riservato alla sola componente docente, è redatto il Piano Didattico della Classe dove sono indicati:

- la situazione iniziale della classe

- gli interventi di supporto e recupero

- i comportamenti dei docenti nei confronti della classe

- gli obiettivi comportamentali e cognitivi che gli studenti devono raggiungere

- le strategie per il loro conseguimento

- gli strumenti di verifica

- la corrispondenza voti livelli

- le attività formative collaterali (visite, viaggi di istruzioni, …).

Copia di questo documento è fornita, a cura del docente coordinatore, ai rappresentanti di studenti e genitori dopo la discussione e l’approvazione che avviene in apposita riunione con tutte le componenti.

Nei Consigli di Classe (di norma calendarizzati per i mesi di novembre, marzo e maggio), alla presenza di tutte le componenti e aperti alla partecipazione di tutti i genitori e gli alunni, si procede a:

- esame dell’andamento didattico-educativo, del profitto e della partecipazione di ogni studente

- individuazione di attività di recupero

- verifica dell’andamento del Piano Didattico

Nel corso dell’ultimo Consiglio si effettua:

- la verifica/valutazione conclusiva del Piano Didattico della Classe, i cui risultati sono riportati sulla Relazione finale del Coordinatore.

Nei Consigli di Classe di fine del 1° quadrimestre e di fine anno, limitati alla componente docente,  si procede alla valutazione intermedia e finale dei singoli allievi.

Per le classi prime, alla fine di Ottobre, si effettua un Consiglio di classe limitato alla componente docente per una prima analisi dell’andamento della classe e dei singoli alunni, per monitorare lo sviluppo dell’intervento sul metodo di studio previsto nei Piani di Lavoro dei Dipartimenti disciplinari. 

Docenti

Il docente si attiene alla programmazione definita nel Piano di Lavoro stilato dai Dipartimenti disciplinari o a quello dallo stesso presentato al DS ad inizio d’anno e lo illustra alla classe nel corso delle prime ore di lezione.

Il docente assume comportamenti e strategie individuati dal Consiglio di Classe, per il raggiungimento degli obiettivi comportamentali e cognitivi, ed esplicitati nel Piano didattico della classe.

Il docente si impegna, comunque, a:

- illustrare gli obiettivi educativi, formativi e disciplinari

- rendere espliciti i criteri di valutazione illustrando la griglia di corrispondenza voti-livelli

- comunicare e motivare il voto attribuito al termine di ciascuna prova orale, fornendo indicazioni utili per il recupero

- consegnare le prove scritte, corrette e classificate entro 15 gg. dalla data di effettuazione

- perseguire la trasparenza fornendo ai genitori l'opportunità di visionare le verifiche consegnate nei tempi stabiliti onde agevolare il controllo costante del profitto

- adottare tempi e modi di verifica che tengano conto delle esigenze contingenti della classe e che mirino a responsabilizzarla nell'ambito di un rapporto di reciproca fiducia

- mantenere un rapporto di rispetto e correttezza anche sul piano umano pur nei rispettivi ruoli, competenze, doveri, sollecitando e ascoltando con attenzione gli interventi degli studenti e dando risposte chiare ed esaurienti

- porre attenzione alla richiesta di chiarimenti da parte della classe e dei singoli fornendo,  ove necessario, indicazioni e consigli personalizzati

- rispettare la personalità dello studente e le diverse forme e ritmi di apprendimento, e  compatibilmente con il piano di lavoro stabilito a livello di dipartimento; agevolare l'interazione e l'inserimento nella classe di tutti e di ciascuno. Dare a tutti la libertà di esprimersi

- accertare il possesso dei pre-requisiti prima di ogni nuova fase di lavoro.


VERIFICA – VALUTAZIONE DEGLI APPRENDIMENTI

Modalità e strumenti

Al fine di ricavare indicazioni operative per la prosecuzione dello svolgimento del programma  è tenuto sotto controllo il processo di apprendimento degli studenti mediante le seguenti modalità:

1) Osservazioni del lavoro scolastico in classe

2) Valorizzazione dei contributi degli studenti durante le lezioni

3) Esercitazioni individuali o collettive.

4) Analisi dei compiti a casa

5) Test su abilità specifiche

A metà del I° e del II° quadrimestre ciascun docente raccoglie, di norma, i seguenti elementi di valutazione:

- per le discipline che prevedono accertamento orale, almeno un voto, possibilmente due

- per le discipline che prevedono accertamento orale e scritto almeno due voti, possibilmente tre, di cui uno orale e uno scritto.

Per le valutazioni quadrimestrale e finale:

- Verifiche scritte: almeno tre al quadrimestre.

- Verifiche orali: almeno 2 al quadrimestre (3 in caso di situazioni incerte)

Criteri di valutazione finale

1 - Riferimento alla situazione individuale di ciascun alunno tenendo conto dei seguenti elementi di valutazione:

a - Risultati conseguiti in rapporto alla situazione di partenza

b - Impegno, partecipazione, assiduità nella frequenza

c - Risposta agli interventi di recupero

d - Possibilità di seguire con profitto gli studi dell’anno scolastico successivo anche in relazione all’eventuale permanere del debito formativo(accertato alla fine del precedente anno scolastico) in una o più discipline.

2 - Riferimento alla situazione della classe prendendo in considerazione i risultati complessivamente conseguiti dagli alunni nelle singole discipline.

3 - Per gli alunni dell'ultimo anno si terrà conto:

a - dei risultati conseguiti

b - dell'impegno, della partecipazione, dell'assiduità nella frequenza.


COMUNICAZIONE

Documentazione

I diversi organi nell'ambito delle loro competenze garantiscono l'elaborazione, l'adozione e la periodica revisione dei seguenti documenti:

Documento

Organo preposto

POF (Piano dell'offerta formativa)

Collegio dei docenti - Consiglio di istituto

Documento di indirizzo per la programmazione del Consiglio di Classe

Collegio dei docenti

Regolamento di Istituto

Collegio dei docenti - Consiglio di istituto

Piani di lavoro disciplinari

Gruppi materia

Prerequisiti passaggio biennio-triennio

Collegio docenti

Progetto recupero

Collegio dei docenti - consiglio di istituto

Programmazione del consiglio di classe

Consiglio di classe

Piano delle attività esecutivo del POF

Collegio dei docenti - consiglio di istituto

Tutti i documenti elaborati dai vari organi sono depositati presso l'ufficio di segreteria.

Chiunque abbia interesse li può chiedere in visione e, al costo di riproduzione, fotocopiarli.

Informazione

Tutte le informazioni di carattere generale concernenti i vari ambiti della vita scolastica sono pubblicati attraverso affissione in appositi albi:

- Albo di istituto per le informazioni di carattere generale

- Albo sindacale per le comunicazioni di carattere sindacale relative al personale

- Bacheca degli studenti ad uso degli organi studenteschi

- Bacheca dei genitori ad uso del comitato dei genitori

Le famiglie ricevono, di norma, nel corso dell’anno scolastico informazioni relative a:

Elezioni dei rappresentanti

Tramite avviso/circolare

Convocazione e Ordine del Giorno dei Consigli di Classe e del Consiglio di Istituto

Tramite comunicazione personale ai rappresentanti

Orario e modalità di ricevimento dei docenti

Tramite avviso/circolare

Piano didattico della classe

Consegnato in copia ai rappresentanti

Andamento scolastico del proprio figlio

Tramite:

- Pagellino a metà del I° e del II° quadrimestre

- Pagella allo scadere del I° quadrimestre

- Colloqui con gli insegnanti

- Convocazione del coordinatore di classe in caso di situazioni gravi e/o urgenti

- Incontri con i docenti per la comunicazione e discussione degli esiti intermedi e finali

Attività/incontri del comitato dei genitori

Tramite avviso/circolare

Nel corso dell’incontro di fine anno sono consegnate, ai genitori degli alunni promossi con “Debito Formativo”, apposite schede che segnalano le carenze rilevate nelle discipline interessate e che contengono coerenti indicazioni di recupero.

Ricevimento

I docenti ricevono i genitori con cadenza settimanale e su prenotazione per evitare eccessivi affollamenti che possono inficiare la significatività dei colloqui.

Ricevono, per quanti fossero impossibilitati, anche in ore diverse dalla precedente, previo appuntamento.

Il Dirigente Scolastico, di norma, riceve tutti i giorni previo appuntamento, anche telefonico.


SERVIZI AMMINISTRATIVI

Procedure standard

Iscrizioni Classi prime

La domanda di iscrizione alla prima classe è trasmessa direttamente dalla scuola media e va formulata su apposito modulo predisposto dal Liceo e fatto pervenire in tempo utile a tutte le scuole medie interessate.

In mancanza di eventuali comunicazioni la domanda si intende accolta.

Entro il 30 Aprile sarà recapitata a ciascuno, per mezzo della scuola media, una cartelletta intestata per la regolarizzazione dell’iscrizione; la cartelletta, con gli allegati richiesti, dovrà essere consegnata alla segreteria del Liceo entro la data indicata nella stessa.

Il potenziamento dell’orario di apertura della segreteria nella settimana precedente la scadenza assicura l’espletamento della procedura di iscrizione in un massimo di dieci minuti.

Iscrizioni Classi successive alla prima

L’iscrizione alle classi successive alla prima è disposta d’ufficio e con congruo anticipo gli alunni saranno invitati a regolarizzare l’iscrizione con il versamento delle tasse scolastiche.

- Rilascio certificazioni

Le scadenze per la consegna sono così fissate:

 Tipologia

Termine massimo di consegna  dalla presentazione della richiesta

Certificati di iscrizione e frequenza

3 giorni

Certificati con voti

5 giorni

Certificati attestanti il superamento dell'esame di Stato

dopo il quinto giorno successivo alla pubblicazione dei risultati

Altre certificazioni o dichiarazioni particolari

5 giorni

Orario di apertura degli uffici di segreteria

Gli uffici di segreteria sono aperti al pubblico:

- Tutte le mattine dalle ore 10.00 alle ore 12.30

- Nei pomeriggi di Lunedì e Giovedì dalle ore 14.30 alle ore 16.00

Procedura per i reclami

I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica, via fax, e devono contenere generalità indirizzo e reperibilità del proponente.

I reclami orali e telefonici debbono, successivamente, essere sottoscritti.

I reclami anonimi non sono presi in considerazione, se non circostanziati.

Il capo di Istituto dopo avere esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e, comunque, non oltre quindici giorni, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo.

Qualora il reclamo non sia di competenza del capo di Istituto, al reclamante sono fornite indicazioni circa il corretto destinatario.

Annualmente il capo di Istituto formula per il C.d.I. una relazione analitica dei reclami e dei successivi provvedimenti.


VALUTAZIONE DEL SERVIZIO

In attesa di un “Servizio di valutazione nazionale” che fissi standard e fattori di qualità relativi all’attività complessiva della singola istituzione scolastica, organi interni ed esterni preposti e procedure, la valutazione del servizio offerto dal Liceo avviene a diversi livelli, nel corso e alla fine dell’anno scolastico, e si avvale dei seguenti strumenti:

- Elaborazioni statistiche degli esiti di interperiodo e quadrimestrali

- Relazioni finali dei coordinatori dei consigli di classe e dei Dipartimenti Disciplinari

- Relazioni finali dei responsabili di laboratorio

- Relazioni finali dei responsabili di progetto

- Esiti dei questionari somministrati agli alunni, ai genitori, ai docenti e, periodicamente, agli ex-studenti.

- Relazione finale del Dirigente Scolastico.